Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni.

Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possiamo mettere questi tipi di cookies sul vostro dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

NuovoHead 3

csen.it blu


regolamento FI


Progetti bn Formazione bn Eventi bn Pubblicazioni bn video official
Progetti wbn Formazione wbn Eventi wbn Pubblicazioni wbn video

Link esterni

I nostri siti:

carovana carovana carovana carovana
carovana carovana carovana carovana

Lo sport siamo noi e Jump the gap: presentati i due nuovi progetti che vedono il CSEN coinvolto insieme ad altri tre Eps

news 22ottobre2020Sport gratuito per i bimbi di periferia e a rischio disagio sociale, per incentivare l’attività motoria e combattere il rischio dell’isolamento, e una ricerca per la parità di genere sui campi da gioco, volano per costruzione di Linee guida per gli ambiti sportivi contro ogni forma di discriminazione di genere: questi gli obiettivi dei due progetti “Lo sport siamo noi” e “Jump the gap” che, presentati dal raggruppamento formato dagli enti di promozione sportiva AiCS, ACSI, CSEN e LIBERTAS, hanno ottenuto il finanziamento di Sport e Salute per l’annualità 2020-2021.

Spesso sono proprio i bambini a pagare le conseguenze sui dubbi per la ripresa della scuola e dello sport, nonché sulla carenza di strutture e offerte sportive nei piccoli Comuni. Affinché questo non avvenga i quattro enti propongono un progetto sociale di promozione sportiva gratuita rivolta ai bambini residenti nei Comuni sotto i 10mila abitanti: 40mila i destinatari totali e 158 i Comuni coinvolti in tutta Italia. La missione del progetto “Sport siamo Noi – Promuovere comunità coese attraverso lo sport di tutti” è quella di avviare alla pratica sportiva i bambini tra i 6 e gli 14 anni e le loro famiglie residenti nei piccoli Comuni italiani, promuovendo i valori della condivisione, il rispetto per l’ambiente e l’appartenenza al proprio territorio. I 4 Enti di promozione sportiva, capofila del progetto, supporteranno le amministrazioni comunali a organizzare attività costanti e continuative, di sport di base per tutti, con particolare attenzione ai giovani e alle famiglie con fragilità (socio economiche e inserite nel circuito della povertà educativa), utilizzando le aree e le infrastrutture pubbliche, per valorizzarne l’utilizzo da parte di tutti.

“Jump the gap“, il secondo progetto finanziato da Sport e Salute, è invece rivolto alle donne. Anch’esso è presentato da AiCS, ACSI, CSEN e LIBERTAS, in collaborazione con l’Università di Padova, ed è rivolto ad indagare il rapporto tra donne, sport e le barriere nella pratica sportiva di base. L’obiettivo sarà superare la disparità – il gap – tra uomini e donne nell’accesso allo sport per far sì che l’attività fisica sia davvero inclusiva e paritaria. Per farlo, una volta terminata la ricerca scientifica, il raggruppamento si propone di produrre un documento di Linee Guida indirizzate agli enti e alle associazioni e società sportive per offrire conoscenze e strumenti utili ad abbattere le barriere; redigere un documento di “Committment to Action”, che rappresenterà un piano di azioni in grado di impegnare la dirigenza e i collaboratori sportivi in formazione e offerta sportiva a favore della parità.


AGEMENT: IN FASE DI CONCLUSIONE IL PROGETTO BIENNALE SULL'INVECCHIAMENTO ATTIVO

agementtrailer webDopo due anni di intensa attività in Europa, si sta per concludere il Progetto Europeo co-finanziato dal Programma Erasmus+ “AGEment - Sensibilizzare gli adulti anziani sull’invecchiamento attivo: connettere il patrimonio culturale con l’empowerment degli anziani”.

Il consorzio che ha lavorato al progetto era composto dallo CSEN, dal Centro Jesús Usón (CCMIJU) di Caceres (Spagna), dall’ Istituto Politecnico di Guarda (IPG), in Portogallo, e dalla Fondazione GERON di Bucarest, in Romania.

L'obiettivo del progetto è quello di sensibilizzare adulti e anziani dei quattro paesi europei sull’importanza di un invecchiamento attivo, e in buona salute, attraverso la valorizzazione del patrimonio culturale europeo. In pratica, si è lavorato sulla valorizzazione di quelle attività umane legate alla musica, al movimento, alla poesia, alla pittura e all'arte in generale, alle pratiche di solidarietà sociale e a tutte quelle azioni che sono trasmesse dagli anziani al resto della popolazione, frutto dell'esperienza di vita e della voglia di condividere le competenze acquisite nel corso della vita.

Per centrare l'obiettivo, in questi due anni sono state portate avanti iniziative volte a sensibilizzare i cittadini raccontando, attraverso testimonianze dirette, una serie di buoni esempi di invecchiamento attivo. In Italia, in particolare, oltre all'attività motoria è stata presa in considerazione la realtà culturale del quartiere popolare del Trullo di Roma, con una serie di incontri con i “Poeti e i Pittori di Strada”.

Le innumerevoli interviste realizzate nei paesi europei coinvolti, registrate in video, saranno raccolte in un catalogo multimediale e in un App e verranno diffuse nei primi mesi del 2021.

In attesa della pubblicazione dei video e del catalogo multimediale è stato prodotto un trailer esplicativo, pubblicato sulla pagina Facebook dell'Ufficio Progetti CSEN.


ODIARE NON È UNO SPORT: ENTRA NEL VIVO IL CICLO DI SEMINARI ORGANIZZATI DALLO CSEN

anteprima odiarenonesport seminariDopo il primo appuntamento organizzato a fine settembre a Perugia, da metà ottobre il ciclo di seminari promossi dallo CSEN, all'interno del progetto Odiare non è uno sport, entra nel vivo. Si riparte da Verona, sabato 17 ottobre, poi si proseguirà a Torino il 6 novembre, Catania il 7 novembre, Roma il 13 novembre e, ultima tappa, Udine il 14 novembre.

Il ciclo di incontri, dal titolo "La riforma dello sport. Il punto di vista di chi vive lo sport centrato sulle persone, a favore dell'integrazione sociale, per conoscere e contrastare l'hate speech", si terranno in presenza (la partecipazione è libera) e sarà possibile seguirli anche online. Negli incontri si affronteranno sia i temi della riforma dello sport sia quelli dell'integrazione sociale, della lotta alle discriminazioni e dello sport integrato, ossia dell'attività sportiva che mette insieme persone con disabilità e persone non disabili, con regolamenti nuovi. Un tema che aggancia le problematiche legate al ruolo che ogni sportivo può avere nel contesto di origine e il contributo che ciascuno può dare a livello individuale su obiettivi collettivi, se messo nella miglior condizione per esprimersi.

Di seguito l'elenco dettagliato degli appuntamenti di ottobre e novembre:


VERONA sabato 17 ottobre 2020 / ore 9,30
Sala Africa - Missionari Comboniani - Vicolo Pozzo 1

TORINO venerdì 6 novembre 2020 /ore 9,30
Sala Casa Ugi 2 - Corso Dante 101

CATANIA sabato 7 novembre 2020 / ore 9,30
Sala CONI - Sede Regionale - Corso Sicilia 43

ROMA venerdì 13 novembre 2020 / ore 9,30
Sala Di Liegro - Centrale Montemartini - Via Ostiense 106

UDINE sabato 14 novembre 2020 / ore 9,30
Sala CSEN - Sede Comitato Regionale - Via Valdagno 35


PROGETTO AGEMENT: CONCLUSO CON SUCCESSO IL PROGETTO BIENNALE

anteprima agementDopo 2 anni si è concluso il Progetto Europeo co-finanziato dal Programma Erasmus+ “AGEment - Sensibilizzare gli adulti anziani sull’invecchiamento attivo: connettere il patrimonio culturale con l’empowerment degli anziani”. Il consorzio che ha lavorato al progetto era composto dallo CSEN, dal Centro di chirurgia mini invasiva Jesús Usón (CCMIJU) di Caceres (Spagna), dall’Istituto Politecnico di Guarda (IPG), in Portogallo, e dalla Fondazione GERON di Bucarest, in Romania.

L'obiettivo del progetto era quello di portare l’attenzione di adulti e anziani sull’importanza di un invecchiamento attivo e in buona salute attraverso la valorizzazione del patrimonio culturale europeo. Per centrare l'obiettivo, in questi due anni sono state portate avanti iniziative volte a sensibilizzare i cittadini raccontando una serie di buoni esempi di invecchiamento attivo collegato al patrimonio culturale. Le innumerevoli interviste prodotte e i video correlati, sono state raccolte in un catalogo multimediale e in un App e saranno diffuse nel mese di dicembre.


CSEN ANCORA SUL TETTO D'EUROPA.

nuovoprog scacchi webFinanziato dal programma Erasmus+ un nuovo progetto per insegnare ai docenti delle scuole medie ed elementari l'utilizzo degli scacchi come strumento educativo e per migliorare il rendimento scolastico. In questa fase di enorme difficoltà per le scuole di riattivare la pratica sportiva e tante altre attività culturali, questo progetto consentirà ai docenti di poter aiutare gli studenti ad incrementare le proprie abilità in tutta sicurezza, attraverso il gioco degli scacchi.

More Articles...

Notizie dal mondo CSEN

Csen News

CSENEWS 3

Archivio delle NewsLetter

News Letter

NEWSLETTER 2

Notizie dal mondo CSEN

Dai Comitati

DANZA

Notizie dal mondo CSEN

ARTIMARZIALI9

Progetti

Guida alla progettazione Europea

Banner NellaRete 4

Link

I Partners dei nostri Progetti

i nostri partner official

Traduttore

Italian Bulgarian Catalan Czech Danish Dutch English French German Greek Lithuanian Polish Portuguese Romanian Serbian Slovak Slovenian Spanish
Da non perdere

Le nostre Pubblicazioni

 Pubblicazioni bianco

Certificato N: 28746/13/S

Certificazione Qualità

 cert.qualita 2

Anche CSEN nel

Forum Terzo Settore

3settore 2

ariana grande fappening the latest Fappening content. LEaked Celebrity photos kate upton nude kaley cuoco nudeviagra vs cialis